Mauro Caneschi

/Mauro Caneschi
Mauro Caneschi 2020-09-09T13:41:53+00:00

Mauro Caneschi

Biografia

Mauro Caneschi è nato ad Arezzo dove tuttora vive e lavora.

Diplomato al Liceo Classico F. Petrarca di Arezzo, laureato in Chimica Pura presso l’Università di Firenze, Diplomato in Gemmologia al G.I.A. (Gemological Institute of America), ha lavorato come consulente nel campo dei Metalli Preziosi e come docente di Chimica presso le Scuole Medie Superiori.

Ha tenuto un corso quadriennale presso l’Università La Bicocca di Milano ed ha pubblicato articoli per La Nazione, Il Sole 24h, l’Orafo Italiano ed altre riviste del settore. Amante della letteratura tout court e appassionato di fantascienza, ha pubblicato un primo romanzo nel 2015 ed un secondo romanzo nel 2017 ambedue editi da Sillabe di Sale Editore (Torino). Il suo terzo romanzo è stato pubblicato nel 2020 da Arkadia Editore (Sassari). Racconti, incipit dei romanzi ed altro su www.maurocaneschi.com

Testi / Opere

Noi Nati nei ’50.

Gli anni ’50 ai quali mi riferisco in questo libro, sono i primi anni ’50.

Il 1950,’51,’52,’53,’54.

I ragazzi nati in quegli anni, hanno attraversato la fine dei’60 e l’inizio dei ’70 a cavallo dei loro 20 anni vivendo un epopea irripetibile dal punto di vista del costume, della musica e dell’evoluzione della società non solo italiana.

Attraverso i ricordi di me, ragazzo nato negli anni ’50, si compone l’affresco di un’epoca che ha gettato le basi del nostro presente e del nostro futuro.

Pagina Facebook:

L’ispettore Saletti si chiede perché due tranquilli fratelli di cui uno in sedia a rotelle siano apparentemente complici in un caso di duplice omicidio. Da cosa o con cosa stanno scappando?
E cosa è il Codice Lucia di cui ha sentito parlare una notte nel parco del Vittoriale degli Italiani?
Nel meraviglioso scenario del Garda trentino si confrontano intelligenze umane e artificiali.
Un futuro prossimo che potrebbe essere molto diverso da come ce lo immaginiamo.

Pagina Facebook:

Due fratelli, un tranquillo weekend sul lago di Garda in compagnia di Sonia, la fidanzata di uno di loro. La vacanza viene bruscamente interrotta dalla notizia della sparizione del padre della ragazza. Il professore stava sovraintendendo alla catalogazione digitale di antichi documenti rinascimentali.

I tre partono per Arezzo, città dove al tempo della Signoria dei Medici è stato rinvenuto il più incredibile dei manufatti etruschi: la Chimera. Marco e Dario non sanno che la doppia ricerca, del padre di Sonia e dei manoscritti che lui stava studiando, li porterà ad una scoperta archeologica ancora più sbalorditiva: un bronzo celato per ben due volte agli occhi di tutti, la cui esistenza appare verosimile dalla lettura dei documenti vasariani. Le tracce lasciate dal genio rinascimentale li portano ad indagare sia ad Arezzo che a Firenze, tra documenti e dipinti, archivi e antiche pievi. Ma non sono soli. Dopo aver cercato di ottenere notizie dal professore, il suo assistente e un antiquario romano, che ha fiutato la traccia del rinvenimento del secolo, seguono nell’ombra l’evolversi degli eventi. Aiutati da un’Intelligenza Artificiale con la quale sono venuti casualmente in contatto, i due fratelli riescono a interpretare gli indizi lasciati dal Vasari ma lei sola saprà districare la matassa che affonda le sue origini in un tempo lontano. Alle pendici di Aritim, in quel territorio che dopo millenni diventerà Toscana.

Pagina Facebook:

Premi / Riconoscimenti

“Noi Nati Nei ’50”  Segnalazione particolare della Giuria al XXXIX Premio Letterario Casentino 2014.

“Un’App di nome Lucia” Menzione Speciale della Giuria XIX Premio “Tagete” 2017

“L.U.C.I.A Dossier Chimera” ( Poi edito come “La Chimera di Vasari”) Terzo Classificato Romanzo Inedito Concorso Letterario “La Città sul Ponte” 2019